Leggere buoni libri insegna a “leggere nella mente" articolo

Apprendere l’amore per la lettura attraverso un gesto d’amore:

mamma e papà  che leggono una storia al proprio bimbo è condividere delle emozioni.Si crea l’abitudine all’ascolto e si sollecita la sua capacità di immaginazione.

Essere tenuti in braccio, abbracciati insieme al libro, condividere momenti intensi, divertenti, di scoperta e di meraviglia, sono emozioni che il piccolo ricorderà sempre.

Attraverso le storie il bambino impara a creare collegamenti tra il proprio vissuto e gli avvenimenti raccontati rafforzandone la capacità di riconoscere i nessi logici tra gli avvenimenti, le relazioni tra causa ed effetto e la capacità di ampliare i propri orizzonti assumendo il punto di vista altrui.

“Leggere buoni libri insegna a “leggere nella mente”

Un buon testo ci fa guardare la realtà da un punto di vista diverso dal nostro, quello dell’autore e dei suoi personaggi. esercitandoci così ad interpretare emozioni, gesti e comportamenti del prossimo anche nella vita quotidiana…

"Il Corriere della sera di domenica 20 luglio ha dedicato una pagina alla lettura precoce. Nati per Leggere è al centro dell'iniziative di promozione nazionali." 

Qui sotto i link  

Box-NPL.pdf

pdfsamLeggereCdS20-7-2014-NpL-1.pdf